Servizi di Trust

Cos’è il Trust
Il Trust è un istituto giuridico di matrice anglosassone, formalmente riconosciuto nell’ordinamento italiano a seguito della ratifica della Convenzione dell’Aja 01/07/1985. E’ un contratto con il quale un soggetto (Disponente) trasferisce la proprietà di taluni beni ad un altro soggetto (Trustee) che li deve amministrare e gestire a favore di altri soggetti (Beneficiari).
Il Trustee – sulla base di quanto disposto dall’Atto Istitutivo del Trust – ha cura di trasferire i beni e/o le utilità maturate ai Beneficiari al verificarsi di certi eventi, ovvero in funzione di un determinato scopo o semplicemente trascorso un certo un periodo temporale.
L’atto Istitutivo può prevedere la nomina di un soggetto (Guardiano) preposto alla supervisione e/o controllo dell’operato del Trustee.

La segregazione
Fra gli effetti indiretti del Trust vi è la segregazione del patrimonio che consente di “blindare” i beni da fatti ed accadimenti esterni al Trust medesimo, raggiungendo così la piena realizzazione delle volontà del Disponente.
I beni conferiti in Trust infatti:

  • Non fanno parte né del patrimonio del Trustee, né di quello del Disponente e/o dei Beneficiari.
  • Costituiscono un patrimonio autonomo e separato rispetto a quello dei citati soggetti.
  • Non possono essere aggrediti da terzi creditori personali (nè tantomeno essere oggetto delle conseguenze negative di un fallimento), del Trustee, del Disponente e/o dei Beneficiari.
  • Per quanto concerne l’atto di conferimento, la segregazione trova un limite nella revocatoria, sia ordinaria che fallimentare.

Le principali finalità
Tra i fattori di successo del Trust vi è la sua duttilità nelle soluzioni durature connesse, a titolo esemplificativo, alla famiglia, ai soggetti diversamente abili, ai passaggi generazionali, alla protezione dei patrimoni personali, alla propria azienda, ad operazioni di natura commerciale, societaria e finanziaria in generale.
I Trust possono suddividersi in due grandi categorie:

  • Trust istituiti nell’interesse di un beneficiario.
  • Trust istituiti per uno specifico scopo.

La famiglia e i soggetti deboli
L’utilizzo del Trust si è grandemente diffuso in Italia in seno alla gestione dei rapporti familiari, riscuotendo maggior successo del “fondo patrimoniale”, strumento meno efficiente o flessibile.
Il Trust inoltre è una concreta risposta alle esigenze della c.d. famiglia “allargata”. Alcuni esempi:

  • Garanzia per il soddisfacimento di specifici bisogni materiali della famiglia.
  • Tutela dei figli anche a seguito di nuovo matrimonio.
  • Tutela di soggetti incapaci o diversamente abili.
  • Finalità successorie a favore di specifici eredi o soggetti estranei al nucleo familiare, anche nei rapporti “more uxorio”.
  • Tutela dei soggetti che non vogliono o non possono contrarre matrimonio.
  • Garanzia degli obblighi di mantenimento nell’ambito di separazione o divorzio.

Tutela del patrimonio
Alcuni degli effetti “indiretti” del Trust sono:

  • Tutela del patrimonio conferito che, si rammenta, può avere ad oggetto i beni più disparati quali ad esempio: i locali ove si svolge la propria attività lavorativa, partecipazioni societarie in generale, l’azienda di famiglia, la casa di abitazione o/ di vacanza, i risparmi accumulati per garantire una vita serena ai propri famigliari.
  • Svincolo di detti beni da vicende imprenditoriali o familiari proprie ovvero del coniuge e/o dei figli.
  • Mantenimento unitario del patrimonio, slegato da vicende successorie, evitando una sua frammentazione.
  • Definizione in vita delle vicende successorie rispetto alle disposizioni testamentarie.

Passaggi generazionali e attività imprenditoriale
Anche nell’ambito imprenditoriale e/o societario il Trust si dimostra essere un efficace ed efficiente strumento nelle mani del Disponente. Alcuni esempi:

  • Passaggio generazionale nell’azienda assicurando la continuità di gestione dell’impresa.
  • Gestione di assets posseduti disgiuntamente dai Disponenti.
  • Garanzia finalizzata al finanziamento di nuove iniziative imprenditoriali.
  • Garanzia in ambito di ristrutturazioni societarie e/o finanziarie.
  • Liquidazione di società e costituzione di garanzie per i creditori anche in ambito di concordato.
  • Trasferimento di complessi aziendali e/o partecipazioni societarie.
  • Gestione di patti parasociali e patti di sindacato in generale.

Le attività

  • Stesura Atto istitutivo e Regolamento del Trust.
  • Funzione di Trustee.
  • Funzione di Guardiano.
  • Due diligence e soluzioni strutturate di problematiche afferenti Trust già in essere.